Blog della Cipolla di Suasa

8. giu, 2019

La cipolla è alla base di molte preparazioni in cucina. Spesso viene utilizzata cotta, ma alcune volte rinunciamo a gustarla cruda per i problemi, che questa, potrebbe causare al nostro alito o alla nostra digestione. Infatti, la cipolla contiene un componete solforoso, responsabile dell’alito pungente. Quando viene ingerita cruda, rilascia delle molecole odorose che raggiungono i polmoni attraverso il flusso sanguigno dando vita a questo inconveniente assai fastidioso.
In realtà, esiste un "trucchetto" semplicissimo. Un ingrediente molto economico, viene in nostro aiuto: l'aceto! Ecco come preparare la cipolla di Suasa cruda, che già risulta più dolce e meno forte di altre qualità:
Sbucciate la cipolla;
Tagliatela a spicchi, non molto spessi.
Versate la cipolla in un piatto e copritela con dell’aceto di vino rosso o bianco. Anche il balsamico va bene, ma è meno forte rispetto ai primi due.
Lasciate macerare la cipolla nell’aceto per circa 15-20 minuti.
Dopo, scolatela e aggiungetela ai vostri piatti di insalate.
Con questo semplice trucchetto la cipolla di Suasa, oltre a non creare problemi di alito pesante, sarà più digeribile e croccante e può essere aggiunta a tutte le insalate, come quella di melanzane e pomodorini.
(Si ringrazia Giuseppe Toderi per la gentile concessione della foto).

Le cipolle di Suasa possono essere acquistate:
- presso l'"Associazione Cipolla di Suasa", 60010 Castelleone di Suasa (AN), 
www.cipolladisuasa.itassociazione@cipolladisuasa.it;
- presso i Produttori iscritti all'"Associazione Cipolla di Suasa".

2. giu, 2019

La cipolla di Suasa e i suoi prodotti, sono stati in bella mostra nella serata di Sabato 18 Maggio, in occasione di "Museo Aperto 2019", organizzata dall'Associazione Pro Suasa, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale ed il Consorzio Città Romana di Suasa.
Grazie, infatti, ai due produttori "La Tradizione di Berretta Mauro e Roberto" e "Sgreccia Stefano - Miele Suasa", sono stati presentati al pubblico intervenuto, i prodotti dei due affiliati all'Associazione Cipolla di Suasa.
Ricordiamo che tra le lavorazioni della cipolla di Suasa, l'Azienda "La Tradizione", da tempo produce la "Confettura di Cipolla di Suasa", un'autentica delizia per impreziosire i piatti di carne e, di recente produzione, le "Cipolle Maltajate Sott'olio" prelibate per contorni e insalate, mentre l'Azienda "Stefano Sgreccia" produce la "Confettura Chutney Cipolla di Suasa", utile per esaltare piatti di carne o formaggi stagionati e la "Cipolla di Suasa in agrodolce", squisita come contorno sfizioso.
Si ringraziano nuovamente i due produttori per aver partecipato a questa kermesse di esposizione dell'abbigliamento e dei prodotti tipici locali, all'interno del Museo Archeologico "A. Casagrande".

Guarda le Foto

Le cipolle di Suasa possono essere acquistate:
- presso l'"Associazione Cipolla di Suasa", 60010 Castelleone di Suasa (AN), 
www.cipolladisuasa.itassociazione@cipolladisuasa.it;
- presso i Produttori iscritti all'"Associazione Cipolla di Suasa".

 

20. mag, 2019

 In questo periodo primaverile, in cui si sente il bisogno di mangiare frutta e verdura di stagione, si vuole segnalare una ricetta fresca come la "Zuppa di fave e finocchio", antica ricetta della tradizione siciliana, rielaborata dallo chef Giorgio Locatelli e pubblicata nel supplememto mensile del gruppo QN del 19 Maggio 2019, dal titolo "Itinerari".
Il piatto prevede l'aggiunta di una cipolla (piccola, tagliata a dadini), senza specificarne il tipo, ma, sicuramente con l'uso della cipolla di Suasa, si esalterebbero i gusti della tradizione con quelli della tipicità, ottenendo un primo innovativo, sfizioso e colorato!
Un piatto equilibrato nella ripartizione fra proteine e carboidrati. Da evitare se affetti da favismo.

Le cipolle di Suasa possono essere acquistate:
- presso l'"Associazione Cipolla di Suasa", 60010 Castelleone di Suasa (AN), 
www.cipolladisuasa.itassociazione@cipolladisuasa.it;
- presso i Produttori iscritti all'"Associazione Cipolla di Suasa".

12. mag, 2019

La cipolla di Suasa è una pianta bulbosa appartenente alla famiglia delle Liliaceae. Cresce sottoterra, ha una coltivazione annuale ed è raccolta per essere destinata alla consumazione. Il suo principale utilizzo è come condimento e come alimento in moltissime ricette.
Vediamo, allora, alcuni semplici metodi per conservare al meglio la cipolla di Suasa una volta tagliata.
L'odore della cipolla di Suasa, come tutte le altre qualità di cipolle, tende a contagiare gli altri prodotti contenuti nel frigorifero, quindi ci sono alcuni passi da seguire per evitare il problema.
Ponete la cipolla di Suasa tagliata in un contenitore di vetro o di plastica provvisto di coperchio in modo tale da ridurre l’eventualità che l’odore della cipolla si diffonda agli altri alimenti conservati nel frigorifero.
In alternativa potete metterla tagliata all’interno di un sacchetto sigillabile e mettetelo a sua volta all’interno di un altro sacchetto in modo da evitare la diffusione dell’odore.
Oppure, stendere del burro sulla cipolla tagliata a metà, sulla parte esposta all’aria, e non rimuovete la buccia rimasta; ponetela su un foglio di alluminio e avvolgetela bene e infine riponete la cipolla in un sacchetto chiudibile.
Quando conservate le cipolle di Suasa tagliate in frigorifero è bene che le usiate entro 7 giorni.

Le cipolle di Suasa possono essere acquistate:
- presso l'"Associazione Cipolla di Suasa", 60010 Castelleone di Suasa (AN), 
www.cipolladisuasa.itassociazione@cipolladisuasa.it;
- presso i Produttori iscritti all'"Associazione Cipolla di Suasa".

 

30. apr, 2019

L'esigenza di prodotti e processi di produzione a minore impatto ambientale ha riacceso l'interesse per i coloranti vegetali, ottenuti soprattutto da scarti di coltivazione o lavorazione di prodotti agricoli.
Uno dei tanti esempi è senz'altro quello ottenuto dalla cipolla ramata di Montoro, presidio Slow Food, che rappresenta una eccellenza del territorio campano.
Nella fase di preparazione del prodotto per la commercializzazione, vengono eliminate le tuniche esterne che rappresentano uno scarto per l'azienda. Queste, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Farmacia dell'Università di Salerno, sono state recuperate per la tintura di fibre naturali (lana, seta, cotone, canapa), utilizzate per la creazione di prodotti artigianali nel settore dell'abbigliamento.
Inoltre, in collaborazione con "Naturalmente colore", start up innovativa, i residui di lavorazione della cipolla ramata di Montoro, sono stati utilizzati per la preparazione di rivestimenti colorati da utilizzare nel settore dell'edilizia sostenibile.
Si è voluto evidenziare questo esempio virtuoso nella speranza che anche nella nostra zona si possa creare accordi con Università, Produttori e Privati al fine di ottenere prodotti ecosostenibili proprio con scarti di coltivazione o lavorazione della cipolla di Suasa.

Le cipolle di Suasa possono essere acquistate:
- presso l'"Associazione Cipolla di Suasa", 60010 Castelleone di Suasa (AN), 
www.cipolladisuasa.itassociazione@cipolladisuasa.it;
- presso i Produttori iscritti all'"Associazione Cipolla di Suasa".